www.alternatizine.com
LAZY BUMS
"Lazy bums"
Video rai - 2003

  01 Bloody mirror
02 I dont care
03 Happiness
04 Shades
05 This is my blues
06 For the first time
07 Fool or mad
08 To you, for you
09 My dark side
10 Space mountains

Fin dalla prima traccia i Lazy Bums ci riportano con forza ad un’atmosfera cara agli amanti del rock anni 70’; sembra di tornare indietro ascoltando un hard-rock-blues alla Jimi Hendrix, giri di chitarra alla Led Zeppelin e voci alla Deep Purple.
In realtà per questi ragazzi questo è solo l’esordio sul mercato discografico italiano, eppure stupiscono per la padronanza delle sonorità proposte.

Le chitarre, rigorosamente “americane”, non rimangono aggrappate esclusivamente ai suoni di Woodstock, si sforzano invece di vestirsi di patine punk’n’roll, finendo per ricadere in assoli interminabili.
Anche se ad un primo ascolto il suono proposto può rimanere omogeneo, le variatio sono la specialità di questi ragazzi che pur ancorandosi a vecchi stereotipi musicali, sembrano influenzati da molteplici direzioni: “Happiness” sembra un incredibile sodalizio fra hard-rock, punk anni 70’ e…glam anni 80’!

Belle anche le ballate, su tutte “Shades”, e i sanguigni rock’n’roll come “This is my blues” e “Space mountain”.
Proprio ciò che caratterizza cosi marcatamente il gruppo appare come il maggior limite: purtroppo se non si cerca realmente di proporre elementi di novità all’interno di un genere, si finisce per non incidere, si rischia di non lasciare alcun segno e di essere inghiottiti dal genere stesso.

I nostalgici saranno entusiasti dei Lazy Bums, chi non ama i loro canoni di riferimento li troverà poco originali o addirittura noiosi, ma di certo non si può negare che questi ragazzi abbiano talento e possano aspirare ad essere qualcosa di più che un gruppo “freak”, e magari spingere alla riscoperta della vere radici delle varie sfaccettature del rock contemporaneo...

Stefano Bernardi