linksVist our Myspace

 

Biography

 

Lazy bums were born in the summer of 1996 just for playing grunge rock. The five performers  love unconditionally  70’s hard rock and American bands like Soundgarden , Nirvana and Pearl Jam and this is the sound that they present in their songs. Playing  this kind of music in the Italian country of 1996 was not so simple especially with English lyrics and really energetic live sets.

So they have to wait for 10 years to get an agency of management and an indie label. In those ten years Lazy Bums played around Italy in many clubs and played gigs as opening act  for Jethro Tull, Black Rebel Motorcycle Club, Cazals and The Others.

Their sound was influenced by the live experiences and it’s powerful and massive, so they wanted to have this wall of sound in their studio records too.

They self produced the first album on June of 2005 at Vertical Vision Studio of Milan,  recorded and mixed by Marco Trentacoste (Deasonika) and mastered at Nautilus Studio of Milan by Antonio Baglio. This album plays straight and powerful with tracks like “Lies” ,“Last to die” and “Dirty days” really Seattle sound, ballads like “Sunny aftertaste” and “Incomplete”, stoner song like “I don’t care”, “Star” which remember the sound of Led Zeppelin and the blues of “Nothing worst”. The track “Alone”, that opens the album, is an intimate ballad performed by voice and piano only.

Thanks to this first album Lazy Bums tried to get a contract with the Alkemist Fanatix Europe, high agency of management , and then they got distribution for it with Uk Division Records.

Lazy Bums realized a video clip of their song “I don’t care” directed by Fabio Breccia ( Mtv Italy director’s) on line at www.myspace.com/lazybums1 .

Lazy Bums are waiting for the release date of  their first album called “Hand made” and for its promotional tour!! Keep on rockin’ guys!!

____________________________________________________________________________________________

 

 

Nell’estate del 1996 si costituisce il primo nucleo dei Lazy Bums allora ancora senza nome e senza un progetto preciso. Il gruppo si componeva di 5 elementi : basso ,batteria ,chitarra ,tastiere e voce e bastano poche sessioni di prove e i nostri iniziano a comporre brani inediti in lingua inglese ,riconducibili a più influenze musicali ma mai omologabili ad un unico genere.

Il sound espresso in quelle prime composizioni era del tutto sperimentale rispetto all’ambiente musicale in cui il gruppo si muoveva , chiare erano le influenze di certo rock americano che si mescolavano ad armonie più acide proprie della scena hard rock e psichedelica inglese.

Nei successivi 5 anni la formazione rimane la stessa tranne per quanto riguarda il basso, nel settembre 1997 ,infatti, entra a far parte del gruppo Pierpaolo Borroni ,attuale bassista. Gli alti e bassi compositivi che colpiscono la band portano alla sostituzione del chitarrista con l’attuale, Tiziano Palestrini e all’abbandono delle tastiere da parte di Paolo Romagnoli per la chitarra elettrica.

Cambiamenti così profondi danno maturità all’acerbo sound iniziale in cui aumenta l’impatto chitarristico e l’incisività dei brani. Dopo un anno di vita la formazione riesce ad ottenere un contratto discografico con l’etichetta “Video Radio” di Milano e nel novembre del 2002 incide il primo album omonimo presso lo studio “B3” di Enrico Bezzini sempre a Milano.

Il cd è composto da 10 brani inediti in lingua inglese incisi e mixati in soli 10 giorni ed è distribuito in tutt’Italia dal 20 gennaio ’03. Il sound delle 10 tracce ha connotazioni fortemente americane già a partire dal primo brano ,”Bloody Mirror” con 3’30’’ di puro rock blues, per continuare con pezzi come “I don’t care” e “Happiness” rispettivamente Seattle sound e punk blues. Tracce come “Shades” ,”To you, for you” e “Fool or mad” proiettano i Lazy Bums nella dimensione “Ballads” che aggiunge circolarità alle atmosfere potenti e introspettive di brani come “My dark side” e “ Space Mountains” che chiudono l’album. In questo contesto si inseriscono anche “This is my blues”, il cui titolo dice tutto, e “For the first time” che ,se possibile, è il pezzo più rock dell’album.

Nel giugno del 2005 viene registrato il nuovo lavoro della band, prodotto da Marco Trentacoste al "Vertical Vision" e masterizzato al "Nautilus" studio da Antonio Baglio. I Lazy Bums durante la loro intensa attività live hanno avuto la possibilità di esibirsi insieme a band di indiscutibile spessore come Jethro Tull, Black Rebele Motorcycle Club,Cazalas e molti altri.